Un team al femminile vince a “Cattolica Factory”

La competition “Il laboratorio delle idee” è stata vinta dal progetto CLUBBO, l’app per imparare le lingue straniere.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Grande successo alla finale della prima competition tra idee d’impresa di Progetto di Vita. Cattolica per i giovani, che si è svolta nell’Auditorium Bisoffi di Cattolica Assicurazioni.

A vincere la sfida è stato il team formato da Ilaria Milani, Andrea Bronzati, Elena Girelli e Cristina Rolli, supportate dalla tutor Claudia Annechini, quattro ragazze che hanno presentato Clubbo un’app ideata per permettere di imparare le lingue straniere partecipando attivamente ad iniziative di vario genere: dal teatro al cinema, dalla lettura pubblica all’incontro davanti ad un aperitivo.

Le vincitrici voleranno a Berlino alla scoperta di Factory Berlin, il più grande incubatore della “Silicon Allee”, ecosistema startup tra i più conosciuti in Europa.

Nel corso della serata è intervenuto il Presidente di Cattolica Assicurazioni Paolo Bedoni il quale ha sottolineato come la scelta di Cattolica di accompagnare il ragazzi nel percorso di formazione e orientamento generi valore per il territorio: «Con queste iniziative intendiamo aiutare i giovani a realizzare i loro sogni attraverso progetti concreti».

Le altre idee presentate dai team e giudicate dalla giuria composta da rappresentanti della formazione, dell’impresa e dell’innovazione sono state: Tello! un’app dedicata all’insegnamento delle lingue in maniera ludica ai bambini, Business To School  per facilitare l’attivazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro, Overpass per dare modo alle aziende di farsi conoscere e agli studenti di poter usufruire di stage, TeachToTeach per aiutare gli insegnanti a valorizzare le proprie competenze, Skill-Lab dedicata agli studenti che vogliono organizzare attività extra-scolastiche per sviluppare le competenze trasversali, Learning Cell per condividerefra scuole e aziende percorsi didattici proposti da insegnanti e studenti.

comments powered by Disqus