Pocket Farm: Cattolica incontra i risicoltori

Gli incontri di Pavia e Vercelli organizzati dalla Direzione Distribuzione e Marketing della Compagnia hanno confermato le impressioni positive tra gli imprenditori che hanno utilizzato l'App in questi due mesi dalla sua uscita.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Dopo il tour di presentazione di Pocket Farm (cattolica.it/pocketfarm),  l’App gratuita realizzata dal Gruppo Cattolica per aiutare i risicoltori a conoscere lo stato di salute delle piante e a gestire i rischi connessi ai fattori di produzione, avvenuto tra aprile e maggio, la Direzione Distribuzione e Marketing ha organizzato due incontri con gli imprenditori che hanno testato l’applicazione nei due mesi dall’uscita.

I due appuntamenti si sono svolti il 20 luglio a Pavia e il 21 a Vercelli, ed è stato un momento di dialogo costruttivo tra la Compagnia e gli oltre trecento partecipanti che hanno espresso le loro opinioni e impressioni.

Gli incontri hanno permesso di raggiungere anche nuovi utenti dell’App, a cui è stata data una dimostrazione pratica dell’utilizzo spiegando come il servizio permetta di ottenere, in modo pratico ed immediato, due tipologie di rilevazioni sul riso che fino ad oggi richiedevano procedure costose e complicate:

  • la prima misurazione è relativa al LAI, l’indice di area fogliare della pianta, il cui calcolo su un appezzamento permette di valutare lo stato vegetativo della coltura;
  • la seconda misurazione è relativa all’AZOTO, importante perché una sua carenza nella pianta causa un accrescimento limitato o, viceversa, provoca squilibri nel ciclo biologico, con predisposizione all’attacco di parassiti.

L’App, fruibile anche senza connessione internet, è disponibile su Google Play, Apple Store e Windows Store.

comments powered by Disqus