Nasce il Comitato scientifico per il Terzo Settore

Cattolica costituisce una task force per fornire risposte ai bisogni che il Terzo Settore esprime in termini assicurativi

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Cattolica Assicurazioni ha dato vita ad un comitato scientifico dedicato al Terzo Settore, composto da personalità di spicco del campo degli studi giuridici e sociali. L’analisi e l’implementazione delle novità introdotte dalla recente riforma sul Terzo Settore, e dai suoi decreti attuativi, produrranno le linee guida per il raggiungimento degli obiettivi.

Nell’attuale quadro di cambiamento del Terzo Settore, in cui si registrano trend emergenti e nuovi profili, è necessario «creare delle situazioni che offrano una visione, che abbiano l’ambizione di creare un pensiero nuovo», dichiara Piero Fusco, responsabile della Business Unit Enti Religiosi e Non Profit di Cattolica Assicurazioni.

Il comitato scientifico rappresenta un ampliamento del perimetro di interesse di Cattolica che, forte dei risultati ottenuti con l’Osservatorio Enti Religiosi e Non profit, mira ad una ricerca finalizzata alla realizzazione di nuovi prodotti e al potenziamento culturale e formativo dell’intera azienda. Particolare attenzione verrà rivolta agli aspetti giuridico-amministrativi del cooperativismo e del fenomeno migratorio.

Costituiscono il comitato Antonio Fici, professore di Diritto privato presso l’Università del Molise ed attuale consulente del Ministero del lavoro e delle politiche sociali sulla riforma del Terzo Settore e del Parlamento europeo in tema di impresa sociale; Giovanni Giudetti, professore Model United Nations, research fellow nel settore data & migration policies e cultore della materia di diritto internazionale ed europeo; Lorenzo Pilon, avvocato, consulente legale di alcune diocesi italiane, presidente e componente di diverse cooperative e consorzi nazionali; Felice Scalvini, docente di “Gestione dell’impresa sociale e cooperativa” presso l’Università di Trento, copresidente della Rete Europea di Economia Sociale delle città e delle regioni.

Obiettivo del comitato scientifico, in sintesi, è fornire le indicazioni giuste per muoversi in un terreno adesso in trasformazione anche dal punto di vista normativo. «È grazie allo studio delle esigenze reali di ogni ente attivo nel Terzo Settore», continua Fusco, «che l’offerta di Cattolica si presenta come la più avanzata nel nostro comparto, basti pensare all’esperienza ventennale della proposta assicurativa per il volontariato».

comments powered by Disqus