“Il Laboratorio delle idee”: la finale della competition il 27 maggio

Sette team in corsa per individuare il progetto vincitore nel primo concorso per idee d’impresa di “Progetto di Vita. Cattolica per i giovani”.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Sette squadre chiamate a sfidarsi sul tema dell’innovazione applicata all’ambito dell’educational, trasformando idee in veri e propri progetti d’impresa. È stato questo l’obiettivo di “Cattolica Factory – Il Laboratorio delle idee”, la prima competition nata all’interno della community di Progetto di Vita. Cattolica per i giovani che sta per volgere al termine. Nel corso dell’evento, in programma venerdì 27 maggio dalle ore 17 nell’Auditorium Bisoffi, al quale possono partecipare iscrivendosi anche dipendenti e collaboratori di Cattolica, verrà infatti proclamato il team vincitore.

Dallo scorso dicembre ad oggi, un centinaio di partecipanti, suddivisi in sette gruppi di 10-12 persone, con il supporto di un tutor si sono incontrati periodicamente, sia negli spazi di Progetto di Vita sia in altri contesti – tra cui una giornata di formazione a H-Farm Ventures – per lavorare alla messa a punto di un progetto imprenditoriale sviluppato attorno a uno tra quattro macro-temi: internazionalizzazione, scuola per l’impresa, innovazione dei contenuti e didattica 3.0.

Alla fine di un percorso lungo sei mesi, per i team ora è arrivato il momento di presentare le proprie idee attraverso pitch che verranno valutati da una giuria di rappresentanti del mondo dell’impresa e della formazione. Il premio in palio è un viaggio di 5 giorni a Berlino, alla scoperta di una tra le realtà più all’avanguardia d’Europa: la Factory Berlin, il più grande incubatore della cosiddetta “Silicon Allee”, oggi ecosistema startup tra i più attivi in Europa.
Al termine della premiazione, spazio al divertimento con un aperitivo a buffet e DJ set.

È possibile iscriversi entro il 26 maggio inviando una mail a progettodivita@cattolicaassicurazioni.it oppure accedendo al sito www.progettodivita.it. 

comments powered by Disqus