I giovani di Progetto di Vita alle maratone di H-FARM

Ogni mese partecipano a centinaia e per 24 intese ore mettono la loro creatività e le loro competenze digitali a disposizione delle aziende "tradizionali". Sono i ragazzi degli H-ACK, le maratone di progettazione organizzate da H-FARM e sponsorizzate da Progetto di Vita Cattolica per i giovani.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Il format dell’evento è sempre lo stesso, ma ogni mese attira a H-FARM centinaia di giovani da tutta Italia, e non solo. Da una parte le aziende con i loro “casi” da risolvere, dall’altra i team composti da sviluppatori, programmatori e marketing specialists che in 24 ore di lavoro non-stop studiano e progettano idee e soluzioni innovative con il digitale. Ogni mese un settore/business diverso.

È il prodigio H-ACK, acronimo inglese che riunisce l’importanza del fattore umano (H sta per human) e il concetto delle maratone di progettazione (gli “hackathon”), eventi che si svolgono in tutto il mondo e che richiamano i creativi del digitale, gli aspiranti startupper e i giovani di talento che pensano fuori dagli schemi.

Progetto d Vita. Cattolica per i giovani, in linea con la sua mission, partecipa a questi “laboratori d’innovazione” sia come sponsor sia attraverso il programma Progetto di Vita per H-ACK, portando ogni mese negli spazi del venture incubator di Ca’ Tron decine di giovani pronti a mettersi alla prova, sfidarsi tra di loro e vincere i premi messi in palio per i progetti migliori.

Tre le fasi del programma: un briefing di preparazione nella sede di Progetto di Vita (in Corso Porta Nuova 11b) durante il quale i ragazzi possono studiare in anteprima i casi portati dalle aziende e i relativi mercati; la maratona vera e propria, che si svolge a H-FARM nel weekend; un follow-up di confronto e di verifica dei risultati.

Con questa formula decine di giovani di Progetto di Vita hanno partecipato a quattro H-ACK: Banche (8-9 febbraio), Vino (1-2 marzo), Travel e Turismo (5-6 aprile) e Auto (17-18 maggio).

Prendere parte ad un evento del genere per tanti giovani vuol dire toccare con mano realtà innovative, capire come si affrontano le richieste delle aziende e come si lavora in squadra. Inoltre, al di là del risultato, la partecipazione ad una maratona di progettazione rappresenta anche l’occasione per fare ciò che molto difficilmente il mondo del lavoro concede: mettere alla prova le proprie capacità, imparare quali competenze sviluppare, quali sono i propri punti di forza e di debolezza e in cosa migliorare per rispondere alle richieste del mercato con più sicurezza e consapevolezza. Clicca qui per leggere le testimonianze dei giovani di Progetto di Vita.

 

 

comments powered by Disqus