PortanuovaLab innova il JOB&Orienta

Nello spazio allestito a VeronaFiere, tre giorni di eventi trasmessi in diretta streaming sul sito dell'iniziativa: workshop, speech, performance artistiche e testimonianze di giovani startuppers e makers

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Si è conclusa sabato scorso la prima edizione di “Portanuovalab. Orizzonti dell’innovazione”, la maratona-laboratorio sulle frontiere del digitale e del lavoro organizzata da “Progetto di Vita. Cattolica per i giovani” nell’ambito di JOB&Orienta a VeronaFiere.

Durante i tre giorni dell’iniziativa, dal 20 al 22 novembre, lo spazio multimediale e interattivo allestito in Fiera ha ospitato performance artistiche, testimonianze e speech di startupper e giovani makers oltre a workshop formativi su stampa 3D, nuovo artigianato digitale, scuola e formazione. Eventi che sono stati trasmessi in diretta streaming sul sito www.portanuovalab.it e che hanno visto il coinvolgimento diretto dei giovani della community di Progetto di Vita, chiamati ad elaborare idee e proposte concrete sugli stessi temi.

Molti gli spunti offerti dai tre relatori d’eccezione impegnati in altrettanti focus. Enrico Bassi, coordinatore del FabLab opendot di Torino e designer di Officine Arduino, ha parlato dei nuovi scenari aperti dalla progettazione digitale. Maurizio Rossi, co-founder e vice presidente di H-FARM, si è soffermato sulla necessità da parte delle aziende di aprirsi alle nuove competenze “liquide” diffuse dalla rete. Luca De Biase, editor di innovazione al Sole 24 Ore e responsabile di Nòva24, ha invitato i ragazzi ad ampliare i propri orizzonti, ad aprirsi al mercato internazionale e a costituire nuovi “ecosistemi produttivi” basati sulla valorizzazione delle competenze e sui talenti.

Sul sito www.portanuovalab.it è possibile guardare i video con il meglio delle tre giornate e le interviste ai protagonisti a cura del team di Open Journalism coordinato da Corriere Innovazione, media partner dell’iniziativa insieme a L’Arena e Nòva24 – Il Sole24Ore.

comments powered by Disqus