Dal fondo immobiliare Mercury una più ampia collaborazione tra Cattolica Assicurazioni e Conad

La presentazione, in Piazza degli Affari a Milano il 27 settembre, del fondo immobiliare Mercury, costituito da Cattolica e da Conad, è stata l'occasione per annunciare l'avvio di un rapporto a più ampio respiro con la grande catena di distribuzione.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

La presentazione, in Piazza degli Affari a Milano il 27 settembre, del fondo immobiliare Mercury, costituito da Cattolica e da Conad, è stata l’occasione per annunciare l’avvio di un rapporto a più ampio respiro con la grande catena di distribuzione.

Il fondo di 300 milioni di euro, sottoscritto in maggioranza da Cattolica, corrisponde al valore degli immobili - in prevalenza punti di vendita - conferito a tre delle sette cooperative del Gruppo Conad. Gli immobili di proprietà del fondo rimangono nella disponibilità di ciascuna delle tre cooperative in virtù di contratti di locazione di lunga durata.

Con questo investimento, in linea con il Piano d’impresa 2014-2017, Cattolica Assicurazioni rafforza  ulteriormente la solidità complessiva del Gruppo. In particolare l’investimento nel fondo Mercury si inserisce in una strategia di crescita e diversificazione del suo patrimonio immobiliare.

Il fondo Mercury è finanziato al 55 per cento (165 milioni di euro) con debito bancario ipotecario a 10 anni, diviso al 50 per cento tra Banca Imi (Gruppo Intesa) e Unicredit. Il restante 45 per cento (135 milioni di euro) costituisce il capitale sociale versato dai due azionisti, il 51 per cento da Cattolica Assicurazioni (69 milioni di euro) e il 49 per cento (66 milioni di euro) dalle tre cooperative Conad, che in tal modo potranno contare su risorse pari a 234 milioni di euro. Tale valore è parte dell’investimento complessivo del piano presentato a giugno alle banche e alleggerisce il peso dell’impegno economico delle cooperative per finanziare lo sviluppo.

Nell’arco dei prossimi tre anni il piano degli investimenti delle tre cooperative ammonta nel complesso a 293 milioni di euro.

Il fondo Mercury mira a generare risorse per lo sviluppo e creare le leve di miglioramento della capacità competitiva di Conad sul mercato nazionale. Inoltre è una filiera interamente italiana - a parte la società di gestione del risparmio - ed è stato costituito senza Advisor: Conad, Cattolica Assicurazioni, Banca Imi e UniCredit hanno infatti sviluppato il fondo dialogando e lavorando direttamente fra di loro.

«L’investimento di Cattolica nel fondo Mercury», ha dichiarato l’amministratore delegato di Cattolica Giovan Battista Mazzucchelli, «rientra nel percorso di sviluppo e consolidamento patrimoniale del Gruppo Cattolica avviato con il Piano d’impresa 2014-2017. Attualmente il patrimonio immobiliare del Gruppo Cattolica ha un valore pari a 920 milioni di euro. Nel solo 2016 abbiamo fatto investimenti per 167 milioni con una redditività netta annua intorno al 6 per cento. Con quest’operazione si sono poste le premesse per una collaborazione a più ampio raggio tra Conad e Cattolica. L’obiettivo è quello di dar vita ad una partnership di grande respiro sul terreno commerciale nell’ambito della nuova strategia distributiva del nostro Gruppo tesa a valorizzare, attraverso la multicanalità, le specificità territoriali e la forza trainante, specialmente nel comparto agroalimentare, del made in Italy».

«Questa del fondo Mercury è un’operazione che vede valori in comune tra i vari attori, tutti attenti al territorio e capaci di promuovere, con i rispettivi strumenti, una spinta all’economia e all’occupazione», sottolinea l’amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese. «Le cooperative potranno contare su una liquidità immediata, dividendi a lungo termine e potenzialità di acquisizione e sviluppo di nuova rete di vendita. Insomma, le condizioni ottimali per guardare con ottimismo al futuro ponendosi coerentemente importanti obiettivi strategici di crescita e rafforzamento strategico. L’operazione è frutto di una partnership forte e che si preannuncia solida per svilupparsi anche in altri ambiti e prodotti».

comments powered by Disqus