Contro la grandine arriva AUTOKEY

La Direzione Sinistri lancia il nuovo progetto “AUTOKEY” per la riparazione dei mezzi danneggiati dagli eventi atmosferici. Il responsabiile Paolo Masini spiega funzionamento e caratteristiche del servizio.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

La grandine non fa più paura. La Direzione Sinistri di Cattolica Assicurazioni, in collaborazione con la rete delle agenzie, lancia il nuovo progetto AUTOKEY, già in fase sperimentale a livello nazionale, che permette l’utilizzo di tecnologie di ultima generazione per la riparazione dei mezzi danneggiati.

Un sistema veloce, innovativo ed efficiente, reso possibile dalla collaborazione con AUTOKEY Solutions, società leader di mercato per questo settore, che grazie alla tecnica PDR (Paintless Dent Removal), l’unica ammessa dai produttori di automobili per il ripristino dei veicoli nuovi, consente di ridurre tempi di esecuzione dei lavori, di rispettare l’ambiente e di garantire la perfetta scomparsa dei segni causati dai violenti fenomeni atmosferici.

«Questo servizio», spiega Paolo Masini, responsabile dell’Area Sinistri di Cattolica, «assicura un intervento rapido, non prevede l’anticipo di denaro da parte del cliente e nemmeno il pagamento della franchigia. In caso si verifichino dei danni, la segnalazione arriva ai nostri agenti, i quali, tramite il sistema informatico, si prendono in carico il problema ed invitano il cliente a rivolgersi ad un centro convenzionato per la riparazione. Il tutto si svolge in maniera semplice e veloce, con la garanzia di un lavoro fatto nel miglior modo possibile».

La tecnica PDR, infatti, non intacca la verniciatura e non utilizza materiale riempitivo, che col passare del tempo risulta visibile e pregiudica l’estetica del veicolo. Non solo. L’intervento contro le ammaccature da grandine avviene esclusivamente con attività manuali, che non prevedono immobilizzi tecnici dovuti all’impiego di prodotti chimici e quindi i tempi di lavorazione risultano piuttosto contenuti. In media la vettura viene riparata in 24 ore dalla consegna al tecnico.

«La capillare presenza dei centri sul territorio, gli Hail Centers, favorisce la tempestività del lavoro», conclude Masini. «Un notevole risparmio di tempo, dovuto alla mancanza di esborsi e all’annullamento della franchigia di polizza, e alla sicurezza di un prodotto ecologico, visto che non vengono usati solventi, stucchi o siliconi».

comments powered by Disqus