Come si organizza una mostra

Si è svolto venerdì 26 settembre nella sede di Progetto di Vita il terzo incontro del ciclo "I Mestieri dell'Arte". A spiegare come si organizza una mostra è stata Ilaria Turri, della Segreteria scientifica e organizzativa del Museo di Castelvecchio di Verona

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Dopo i focus su allestimento e restauro, il viaggio a tappe nel “dietro le quinte” di una grande mostra è proseguito lo scorso 26 settembre con il terzo appuntamento del ciclo “I Mestieri dell’Arte, iniziativa organizzata da Progetto di Vita. Cattolica per i giovani in collaborazione con il Museo di Castelvecchio. Tema dell’incontro: come si organizza una mostra.

Ospite dello spazio in Corso Porta Nuova Ilaria Turri, della Segreteria scientifica e organizzativa del Museo di Castelvecchio di Verona, che ha approfondito professionalità e competenze di chi progetta una mostra e ne segue le fasi di realizzazione.

Parlando di specializzazioni, uno spunto interessante è stato il parallelismo tra Italia ed estero. «Io lavoro come exhibition manager e come registrar» ha spiegato Turri. «All’estero sono due figure distinte mentre in Italia spesso coincidono. Da noi, infatti, al registrar compete il compito di coordinare il curatore, gli autori del catalogo, l’allestitore, gli assicuratori, gli spedizionieri. Alla National Gallery invece, tanto per citare un museo estero, ci sono ben cinque persone tra exhibition manager, a cui spetta il compito di fare i contratti di prestito, e registrar a cui spetta invece la cura della logistica, dei trasporti e delle assicurazioni».

Al termine dell’incontro, tutti i partecipanti hanno potuto visitare gratuitamente la mostra sul Veronese al Palazzo delle Gran Guardia.

Venerdì 3 ottobre, ultimo appuntamento con l’incontro dal titolo “Come si promuove una mostra”. Ospite della serata Paola Simeone dell’Ufficio marketing della mostra “Paolo Veronese. L’Illusione della realtà”.

comments powered by Disqus