Cattolica colloca con successo un prestito obbligazionario subordinato per 500 milioni di euro

L'emissione è finalizzata all'acquisizione del 65% di Avipop Assicurazioni e Popolare Vita

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Il 5 dicembre 2017 Cattolica ha collocato un prestito obbligazionario subordinato, destinato esclusivamente a investitori qualificati, di importo pari a euro 500 milioni e della durata di trenta anni. L’emissione ha ricevuto ordini da più di 250 investitori per un totale di oltre euro 3 miliardi, pari a circa 7 volte l’ammontare target dell’emissione.

L’operazione contribuirà a sostenere il profilo patrimoniale e finanziario di Cattolica1, in seguito al perfezionamento dell’accordo tra Cattolica e Banco BPM per l’acquisizione del 65% di Avipop Assicurazioni e Popolare Vita e all’avvio di una partnership strategica tra il Gruppo Banco BPM e Cattolica Assicurazioni per una durata di 15 anni, come comunicato a inizio novembre.

L’emissione è stata accolta con favore e sottoscritta da primari investitori qualificati italiani (43%) ed esteri (57%). La qualità degli investitori coinvolti e l’ammontare collocato confermano il successo dell’operazione.

Il prestito avrà le seguenti principali caratteristiche: euro 500 milioni in linea capitale; scadenza il 14 dicembre 2047, fatti salvi i casi di rimborso anticipato; prezzo di emissione pari a 100%; cedola iniziale pari al 4,25% fino alla scadenza del decimo anno, data che coincide con la call date. In caso di mancato esercizio della call al ricorrere del decimo anniversario della data di emissione dei titoli, la cedola diverrà a tasso variabile e sarà pari al tasso Euribor di riferimento maggiorato di uno step-up di 100 bps rispetto allo spread rilevato alla data di emissione (calcolato sul valore del tasso c.d. mid-swap a 10 anni).

La data di emissione del prestito è prevista per il 14 dicembre 2017, data a decorrere dalla quale è atteso che le obbligazioni siano quotate presso il mercato regolamentato della Borsa di Irlanda.

Il collocamento è stato curato con il supporto di Banca IMI in qualità di Global Coordinator & Joint Bookrunner insieme a Barclays, Nomura e UBS Investment Bank in qualità di Joint Bookrunners e da Intermonte SIM e Banca Akros in qualità di CoManagers. Per il supporto legale Cattolica si è avvalsa dello studio Allen & Overy.

 

1Il prestito andrà a costituire un elemento dei fondi propri di livello 2 ammissibili a copertura del requisito patrimoniale di solvibilità e del requisito patrimoniale minimo della Società ai sensi di quanto previsto dalla Direttiva 2009/138/CE (Solvency II).

comments powered by Disqus