Bancassicurazione in crescita

Il vice direttore generale Carlo Barbera fa il punto sulla situazione del settore e sullo sviluppo dell’offerta Vita e Danni. A Milano, il prossimo 10 novembre, un convegno per presentare al mercato la gamma dei prodotti del Gruppo

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Individuare nuove opportunità di business in un mercato bancassicurativo in forte cambiamento, cresciuto a doppia cifra negli ultimi mesi, ma sempre più competitivo e alla ricerca di prodotti innovativi ritagliati sulle esigenze della clientela, sia nel Vita sia nel Danni. È questo l’obiettivo del Future Bancassurance Forum 2014 in programma lunedì 10 novembre, a Milano, all’hotel Principe di Savoia, nel corso del quale verrà analizzato lo stato di salute di un settore in continua evoluzione, che a Cattolica sta riservando notevoli soddisfazioni.

«L’offerta di prodotti Vita nel comparto della bancassicurazione sta registrando un rilevante sviluppo», spiega Carlo Barbera, vice direttore generale del Gruppo Cattolica, «grazie ai rendimenti interessanti, alle normative applicate e alle diverse proposte industriali in grado di soddisfare le richieste dei consumatori. Oggi i clienti cercano sicurezza, risultati, protezione, adeguatezza e trasparenza, e si informano attraverso più canali, tradizionali e digitali, per capire quale tipo di prodotto è più conveniente e capace di rispondere alle loro necessità. Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un ulteriore progresso, sia normativo sia finanziario, che richiede nuovi interventi e strumenti ancora più efficaci».

«Cattolica», prosegue Barbera, «può contare su una rete di quasi 6mila sportelli bancari per la distribuzione di un’ampia gamma di prodotti Vita e Danni, che ci hanno permesso di crescere di oltre il 40 per cento anno su anno, con performance migliori del mercato. Abbiamo lanciato nuovi processi e nuove piattaforme gestionali, che ci permettono di ampliare le occasioni di business e di raggiungere una platea più estesa di consumatori, garantendo redditività, protezione e sicurezza».

«A Milano», conclude Barbera, «faremo il punto della situazione, cercheremo di capire come si sta muovendo il mercato bancassicurativo e presenteremo alle banche popolari e cooperative i nostri prodotti, che riteniamo interessanti e molto competitivi».

comments powered by Disqus