Approvati i risultati del primo semestre 2017 del Gruppo Cattolica Assicurazioni

Raccolta premi complessiva in crescita del 3,8%. I commenti del Presidente, Paolo Bedoni, e dell’Amministratore delegato, Alberto Minali.

VIDEO

FOTO

ALLEGATI

Il Consiglio di Amministrazione di Cattolica Assicurazioni riunitosi il 2 agosto a Verona sotto la Presidenza di Paolo Bedoni ha approvato la Relazione finanziaria semestrale consolidata del Gruppo Cattolica. I primi sei mesi dell’anno hanno evidenziato un utile netto consolidato di 8 milioni di euro (-68,0% rispetto al 30 giugno 2016) e un utile netto di Gruppo pari a 1 milione di euro (-94,1%). Il risultato netto resta positivo nonostante significative svalutazioni di natura non ricorrente per un totale di 67 milioni di euro (di cui euro 66 milioni quota Gruppo).

La raccolta premi complessiva del lavoro diretto ed indiretto danni e vita ha raggiunto i 2.624 milioni di euro, in crescita del 3,8% rispetto ai 2.528 milioni del primo semestre 2016.

 

******

 

Il Presidente di Cattolica Assicurazioni, Paolo Bedoni, ha dichiarato: «La relazione semestrale approvata oggi dal Consiglio di Amministrazione conferma che, nonostante le svalutazioni conseguenti l’applicazione delle nuove procedure di impairment test, Cattolica grazie alla propria solidità patrimoniale e finanziaria, al suo modello d’impresa e al radicamento sul territorio, è in condizione di affrontare nuove sfide anche in tema di innovazione, mettendo al centro le esigenze di un cliente sempre più attento e selettivo nelle sue scelte».

L’Amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni, Alberto Minali, ha dichiarato: «Presento al mercato la relazione semestrale del Gruppo Cattolica, che accoglie alcune svalutazioni non ricorrenti che hanno impattato sul risultato di periodo. Sono consapevole e convinto che la capacità reddituale del Gruppo, conseguente anche alla sua potenza distributiva, la sua solidità finanziaria e la qualità del suo capitale consentiranno a Cattolica di rafforzare la sua posizione sul mercato e di remunerare adeguatamente il capitale investito».

comments powered by Disqus